Entanglement

Da quando mi sono appassionato alla fisica quantistica, materia che, fino a poco tempo fa, mi era sconosciuta quanto la lingua mongola, devo confessare che mi si è aperto un mondo, avendovi trovato spunti davvero significativi alle domande che, sempre più frequenti, si affollano nella mia mente. Ho detto spunti e non risposte, eh?

Ebbene, forse la cosa più incredibile, meravigliosa, affascinante, e… terribile per le sue implicazioni è quella del cd. entanglement.

Questo fenomeno, riscontrato da rigorose e molteplici dimostrazioni scientifiche, per ora sperimentate sulle particelle più piccole di cui è composta la materia, ha un qualcosa di magico e meraviglioso che non siamo riusciti a capire come possa trovare applicazione in quella che noi definiamo realtà o vita di tutti i giorni. Che si applichi è fuori di dubbio perchè noi stessi siamo costituiti, alla base, di quella stessa materia, che però ha regole che nella vita ci sembrano delle magie che neanche i personaggi di Star Wars riuscirebbero a realizzare. Come mai?

Veniamo all’entanglement. Questo termine fu introdotto per la prima volta da Schroedinger ed è anche conosciuto come paradosso EPR (Einstein, Podolsky, Rosen) o teorema di Bell.

Si tratta di un fenomeno osservato, ma scientificamente inspiegabile, che collega indissolubilmente due elementi anche se essi sono separati fisicamente nello spazio, qualunque sia la distanza che li divide e ovunque siano nell’Universo.

Non mi addentro nel tecnico ma pensate a due trottole che girano, una sulla Terra e l’altra su Plutone piuttosto che su Alfa Centauri o ancora più in là. Se in un certo momento quelle trottole sono state in contatto tra loro e poi le si divide come detto, se io inverto il senso di rotazione di quella sulla Terra, ISTANTANEAMENTE invertirà il suo senso di rotazione anche quella su Plutone, senza che tra di esse vi sia alcuna forma di comunicazione rilevabile.

Incredibile, vero? Che significa? E’ la punta di un iceberg che nasconde qualcosa di infinitamente vasto e nascosto, qualcosa di meraviglioso che non abbiamo capito, perchè implica che ogni cosa che esiste nell’Universo (si badi ho detto Universo, non Terra) può potenzialmente condizionare il comportamento, in modo totale o parziale, di ogni altra cosa esistente nello stesso Universo. Ogni cosa, e quindi ogni essere, sono in qualche modo, seppur razionalmente inspiegabile, collegati con tutto ciò che esiste, interagendo e condizionando tutto ciò che esiste.

Ne deriva che ciò che appare separato nello spazio è in realtà strettamente collegato nello spazio e nel tempo. Anche noi esseri umani.

Personalmente ne deduco che due esseri che sono in qualche maniera entrati in contatto tra loro (entangled) restano comunque connessi, influenzandosi a vicenda. Questa è una cosa che molti di noi già percepiscono nettamente senza riuscire a capirne la ragione (pensate ad una madre con il figlio). Certo, scoprire come questo fenomeno sia concretamente possibile tra sistemi complessi come gli esseri umani è davvero difficile, ma è innegabile che esista.

Altra deduzione: se questo è vero, l’odio verso qualcuno con cui si è stati in contatto si può ritorcere verso di noi? E’ come se odiassimo una parte di noi stessi…

Bè, magari c’è chi potrebbe bollare questa realtà nascosta come una emerita cazzata, ma io non ce la faccio… mi affascina e mi fa paura allo stesso tempo.

Ho provato ad affrontare il discorso anche con persone di Chiesa per cercare di comprendere il loro punto di vista… Sono fortunato che hanno abolito i roghi altrimenti sarei stato certamente condannato come eretico perchè nessuno di loro concepisce il fatto che sia in noi e non in un qualcosa di esterno e capriccioso la vera sorte della nostra vita…

92 comments

  1. La fisica quantistica mi attrae molto da 5 anni un po’ per caso, un po’ perché il mio dominus e titolare del mio ex Studio era un gran conoscitore della materia. Ho letto e visto documentari in merito, soprattutto relativi ai buchi o tunnel spazio temporali ed eventi reali analizzati dagli scienziati che dimostrerebbero la loro presenza. Altra questione che mi ha interessato molto riguarda come è stata spiegata ciò che noi chiamiamo l’anima e quindi cosa c’è oltre la ‘materia visibile e perciò oltre la morte’. Hai letto anche di questo? sono profondamente convinta che la verità non sia troppo distante da questi studi … ❤ bacio 😉

    Liked by 1 persona

  2. “mi affascina e mi fa paura allo stesso tempo.”
    Anche io sono affascinata e ho paura insieme.
    Ho apprezzato il tuo scritto.
    Se faranno ancora i roghi, ci incontreremo in uno di questi…
    Hai scelto una canzone bella e “giusta”
    Buona serata!
    gb:)

    Liked by 1 persona

    1. il fascino viene da ciò che è ancora sconosciuto….la paura dalle conseguenze che potrebbero derivarne… sono armi terribili e potenti ma potrebbero essere al nostro servizio se sapessimo davvero usarle… credo che sia un po’ come dare una pistola in mano ad un bambino… 😉

      Mi piace

      1. Quello che è potente davvero deve/dovrebbe essere usato in modo positivo e non negativo, per il bene e non per il male.
        Tutto questo presuppone un saper usare queste armi terribili.
        Eh sì, fascino e paura sono giustificati da quello che poni in evidenza. Concordo.
        “Cosa sarà?”
        La pistola in mano a un bambino fa del male comunque, bene sicuramente no.
        Comprendo però il senso del tuo esempio.
        Buon sabato
        🙂
        gb

        Liked by 1 persona

  3. Questo articolo e’ scritto meravigliosamente e di contenuto utile e affascinante. Io credo da buona appassionata la quale son stata della legge di attrazione. La cosa che piu’ mi e’ piaciuta e’ il tuo ebtusiasmo e la chiarezza con i quali hai redatto l’articolo. e ho deciso di seguirti!!!

    Liked by 1 persona

  4. Ma ciao! Sempre argomenti molto intriganti…. Credo che per un uomo di chiesa sia molto più difficile affrontare un argomento di questo tipo, di quanto non lo sia per chi non è condizionato da dogmi precisi. Secondo me, la comprensione dell’Entanglement deve necessariamente passare dall’esperienza, che ti fa porre delle domande per qualcosa di profondo che hai provato, ma per il quale, ti accorgi che non esistono i termini, le parole, per poterlo raccontare. Allora inizi a cercare spiegazioni e ti imbatti nella fisica quantistica che, grazie a dei bravi fisici divulgatori, inizia a rendere fruibili le più recenti teorie. E quando leggi e inizi a trovare quelle parole che ti mancavano, scatta quell’insieme inscindibile di raziocinio ed emozione che io definisco comprensione.

    Liked by 1 persona

    1. infatti cara Nuzk, se cerchi conforto e conferme negli uomini di chiesa meglio lasciar perdere…spesso neanche loro sanno quello che credono di insegnare.
      La fisica quantistica non impone dogmi assoluti, si limita a comunicare esperienze dimostrate e lascia all’individuo la scelta delle convinzioni. Fisica quantistica batte chiesa 1-0

      Liked by 1 persona

      1. Non credo si possa generalizzare. Anche lì dipende dalle esperienze fatta dalla persona. Se è entrato veramente in contatto con un’altra persona coscientemente o fosse anche con quello che lui definisce Dio, sa cos’è l’entanglement e magari con parole diverse te lo spiegherà. Purtroppo come dici tu, anche loro spesso insegnano cose che sanno intellettualmente, per averle imparate, ma che non conoscono, per non averne fatto l’esperienza.

        Liked by 1 persona

      2. allora vale il detto che l’abito non fa il monaco… certe cose le posso apprendere da chiunque senza riconoscere l’autorità di abiti talari o roba del genere… 😉

        Mi piace

  5. Mannaggiaaaaa… Piu cerco di capire e meno capisco… Pero é una cosa che mi sta prendendo da un pochino… Quindi tutti siamo in interazione con moltissime altre persone… Vista la moltitudini di rapporti che giornalmente.creiamo,anche fugaci… Allora siamo tutti legati da un filo inconsapevole…? Mi piacerebbe leggere qlc ma dici che green è difficile.. Potrei non capirci nulla proprio, ve?

    Liked by 1 persona

    1. Esatto! Hai colto nel segno, Ale. In fondo siamo tutti interconnessi…tra di noi e tra tutto ciò che ci circonda… vedi, la cosa che mi affascina in questa materia, sai qual’è? Tra me ed una sedia non c’è molta differenza “materiale” (mi scuso con la sedia ahahaha), entrambi siamo composti di atomi. Ma io ho una “coscienza” e la sedia no. Quindi la domanda successiva è: così la coscienza? è qualcosa di non tangibile o è anch’essa fatta di qualcosa che può essere rilevato? e qui mi fermo altrimenti mi incasino… 🙂
      Guarda se vuoi iniziare a leggere qualcosa di importante sul punto ti consiglio “Il tao della fisica” di Fritjof Capra… Certo non è leggerissimo ma è molto chiaro e comprensibile anche per i non addetti ai lavori… 😉

      Liked by 1 persona

      1. Ecco ti sei fermato prima di incasinarti, ma cosi mi sono ingarbugliata io…
        Mmmhhhhh la coscienza mi sa che è difficile da rilevare, ma se ë tangibile allora pure quella crea legami… Anzi mi sa soprattutto quella…
        Beh ma di questo passo si crea una rete enorme… Fa pure un po paura, no?
        Esempio pratico…. Io e te abbiamo creato un filo.anche se ci conosciamo tramite le ns parole? In che modo uno di noi potrebbe in qualche modo influenzare l’evoluzione dell’altro? Uh questo libro allora di sicuro lo leggo se ë un po piu facile!

        Liked by 1 persona

      2. certo che abbiamo creato un legame, anche se non diretto, ma sempre un legame. Adesso immagina che tu leggi il libro che ti ho consigliato e ci trovi lo spunto per creare un qualcosa che avevi in mente ma non riuscivi a concretizzare… magari ti cambierebbe la vita e tutto grazie al blog, alle conoscenze, ecc…ecc… 😉

        Mi piace

      3. Wow! Vero… Sei stato chiarissimo!Allora qualsiasi cosa anche piccola che sembra successa x coincidenza alla fine crea uno scopo… Ma allora esiste pure il destino… Se io devo arrivare li ci arrivo… E non importa qurllo che scelgo di far perche ci sara sempre qualcosa o qualcuno che mi ci portera!

        Liked by 1 persona

      4. ogni gesto, anche il più insignificante, può cambiare i destini del mondo… se l’insegnante di disegno di Hitler, invece di stroncarlo, lo avesse incoraggiato a proseguire la sua carriera di artista, chissà come sarebbe il mondo oggi… è incredibile come un gesto che sembra stupido possa causare milioni di morti… 😉

        Mi piace

      5. Che tutto, noi e la sedia, sia basato sullo stesso elemento (sto semplificando moltissimo e lo sai bene) è ormai alla portata della conoscenza di chiunque ; ora però mi devi spiegare cosa ti fa sostenere che la coscienza sia prerogativa solo nostra.

        Liked by 1 persona

  6. -Altra deduzione: se questo è vero, l’odio verso qualcuno con cui si è stati in contatto si può ritorcere verso di noi? E’ come se odiassimo una parte di noi stessi…- sì io ci credo……da qui il lavorio continuo su noi stessi…

    Liked by 1 persona

  7. Un post davvero interessante e riflessivo, non conoscevo la fisica quantistica e continua a rimanere per me lingua mongola, ma comunque… chiedere alla chiesa è una cosa che non farei,ma perché sono io… ci sono tante cose che non condivido che quasi sicuramente mi troverei in disaccordo… 😉

    Liked by 1 persona

    1. Del tipo che droghe usa Avvo? Molti scienziati stanno studiando il suo cervello ma non ne vengono a capo…pare che solo nella sua materia cerebrale sia stata trovata una nuova particella già in studio al CERN (Centro Europeo Rincojoniti Nati): il pirlotrone…che genera scompensi scrittori nei bloggers…sarebbe una scoperta rivoluzionaria…. 🙂

      Liked by 1 persona

      1. ahahahah melaaaa aspetta che arriva a leggere avvo e vedi cosa mi risponde…altro che maestro…mettete a letto i bambini mi raccomando… 🙂 Comunque grazie cara, mi inchino e ricambio con baciamano… 😉

        Mi piace

      1. oh mi capita raramente di ritrovarmi così tanto negli scritti di qualcun altro… ho letto quello sulla scuola e ne sono rimasto colpito tanto da ribloggarlo (non lo faccio mai)…poi gli interessi e tutto il resto…quando succede mi piace molto questa comunione di interessi…

        Liked by 1 persona

  8. Non sono sulle pagine dei giornali perché ci si chiede: e quando l’ho saputo, cosa mi cambia nella vita? Però l’argomento è affascinante. Se mi infilo un dito nel naso, qualcun altro, in un’altra galassia, potrebbe scaccolarsi senza neppure saperlo!

    Mi piace

  9. Io sono tranquilla: ai loro tempi d’oro hanno bruciato parecchi miei antenati! Sono anch’io appassionata di fisica quantistica! Hai mai letto le teorie di Jung? Credo anch’io nell’ entangled perchè lo vivo sempre anche con gli animali.

    Liked by 1 persona

      1. Miss…non vorrei intromettermi, ma gli uragani a casa sua vengono rilevati solo in bagno…vedi di non battere troppo le ciglia o una famiglia resterà senza tetto…ahahah

        Mi piace

  10. Molto interessante, non conoscevo questa teoria. Che ci sia un legame fra entità diverse però è affascinante. Chissà che io non abbia qualche “anima gemella” (oltre a mia moglie, ovviamente!) in qualche parte sparsa nell’universo!

    Liked by 1 persona

  11. Una volta conoscevo una persona, appassionata come te di fisica quantistica, che mi ha spiegato questo fenomeno così affascinante. Mia madre e mia zia sono gemelle monozigoti e il loro legame è sicuramente di questo genere.
    La chiesa sa molto più di quello che dice, d’altra parte non porti avanti un’azienda per più di duemila anni senza qualche segretuccio da nascondere al popolo bue 😉

    Liked by 2 people

    1. infatti, Mela…sono scoperte che meriterebbero le prime pagine dei giornali, speciali TV e invece? Nessuno ne sa niente se non gli scienziati nei loro laboratori. Noi queste cose le “percepiamo” perché sono in noi. Sulla chiesa non mi pronuncio…non mi fido di uomini che si autoproclamano interpreti della verità…anzi li evito come la peste…

      Liked by 2 people

  12. In realtà questi uomini di chiesa sono degli ignoranti perché il mistero di cui tu parli è perfettamente cristiano “io sono la vite voi i tralci”,ossia esiste un invisibile rete di collegamento che connette tutti i punti della creazione e che ha al centro il prototipo creativo assoluto… Il tuo ragionamento è ben più che una dissertazione scientifica. È quasi un mistero di fede che innerva l’universo. Ed è anche la via per poter spiegare le connessioni invisibili dell’esistente…

    Liked by 2 people

      1. Sai che non è facile? Ma mi ci proverò… E grazie per le tue suggestioni… Scusa anche la lunghezza del commento ma ci sarebbe bisogno di ben altro spazio… Chissà che non ne scriva anch’io dal versante spirituale 😉

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...