mente

Giochi in bianco e nero

L’essere umano è sempre stato affascinato e coinvolto dal gioco, fa parte della sua natura ed è la prima attività in cui si cimenta appena nato. Poi si cresce e, mentre per un bambino il gioco rimane una cosa seria, l’unico lavoro che conoscono, da adulti siamo portati ad associare questa pratica con una accezione negativa, chi “perde tempo” con il gioco è un fannullone, un buono a nulla, un perditempo che preferisce giocare invece che lavorare o svolgere attività “più gratificanti”. Ebbene, se questo, forse, può valere per gli ipnotici e regressivi giochi elettronici della nostra era tecnologica, non può essere fatto in generale perchè, come vedremo, esistono giochi millenari che non possono essere liquidati con il banale termine “gioco” ma rappresentano per l’essere umano molto di più.
L’essere umano sviluppa nel gioco e col gioco la sua personalità e da esso emergono le sue caratteristiche più peculiari. Dimmi come giochi e ti dirò chi sei, potremmo affermare, o, per dirla con Schiller, “l’uomo è veramente tale solo quando gioca, perchè si ritrova e si conosce”.
In genere si associa anche il gioco ai colori, più un gioco è colorato e più attrae bambini ed adulti, infatti i già citati videogames sono un’esplosione di suoni e colori che spesso arrivano a rincoglionire indirettamente persino chi vi sta attorno.
Quando si cresce, riguardo ai giochi, si raggiunge un bivio, che coincide, per come la vedo io, con il livello di sviluppo di un essere umano. La gran parte resta ancorata appunto ai coloratissimi videogames, una versione adulta e partecipativa dei cartoni animati che ipnotizzano i bambini di tutto il mondo, in cui però ti danno cannoni ed armi virtuali con cui ammazzare più cattivoni possibile e tu ti rincoglionisci come un ebete.
Ma, fortunatamente, alcuni di noi sviluppano una predilezione per il bianco e nero, colori simbolo che caratterizzano quei pochi giochi da adulti, carichi di simbolismi arcaici le cui origini si perdono nella notte dei tempi. Sto parlando degli scacchi, della dama e del backgammon.
Sono giochi in cui non è sufficiente conoscere le regole per affermare di saperci giocare perchè richiedono una visione di insieme che coinvolge zone della mente molto particolari.
Sono giochi che sono più di un gioco comunemente inteso, sono intrisi di un simbolismo che in pochi riescono a percepire, sono la messa in atto dell’eterno dualismo della vita, simbolicamente combattuta dal vivo in quello che yin e yang cercano di riunire.
Una sconfitta in questi giochi non lascia l’amaro in bocca perchè ciò che conta è giocare al meglio la partita, lasciarsi assorbire da essa senza distrazioni, restando massimamente concentrati, ricavandone la suprema lezione di vivere sempre nel qui e ora, una bella lezione di vita insomma.
I giocatori non guardano mai in faccia l’avversario negli scacchi, non è importante; hanno sempre lo sguardo e la mente fissi sulla scacchiera perchè il re bianco siamo noi, ma anche il re nero siamo noi…

Comunicazione inconscia

A volte capita di percepire la presenza di persone che comunicano, senza volerlo, qualcosa di importante anche senza che le conosciate, anche se le vedete per la prima volta, anche se non sapete affatto chi sono, perchè misteriosamente stimolano la vostra curiosità, da come si muovono, dagli sguardi che hanno, che non sono adatti a quelle persone con cui si accompagnano in quel momento, perchè c’è un velo di insoddisfazione che voi percepite e quegli altri no. Semplicemente non sono nel contesto adatto a loro. Sanno fingere abilmente e col sorriso, perchè sono forti, sanno che nella vita ci può essere di più di quello che stanno vivendo, ma si vivono il momento e va bene così.
Si capisce che forse sono prigioniere di una situazione che non hanno cercato ma che si fanno andar bene perchè hanno abbastanza forza per reagire ed aspettare che qualcuno, arrivato chissà come e chissà da dove, colga quel velato disagio, comprenda quell’invisibile messaggio. Quelle persone si guardano sempre attorno, al contrario di altre che si mostrano soddisfatte o rassegnate, con un sorriso triste rivolto verso il basso.
Sono messaggi inconsapevoli che trascendono i normali canali di comunicazione, ma se si impara a coglierli si può dialogare anche con un sorriso, per far capire di aver capito. Può finire lì oppure no, non ha molta importanza, il destino farà la sua parte.
Sono cose rare e sono le conoscenze teoricamente più profonde, che generano curiosità reciproca, perchè il linguaggio verbale non è la principale fonte di comunicazione, anzi.
A parte le persone profondamente innamorate e perciò già “connesse”, quel linguaggio senza parole risulta sconosciuto a chi non ha le “antenne” per captare una trasmissione che forse viene da una dimensione che non ci è ancora nota ma che esiste e che può rivelare sempre piacevoli sorprese per il futuro.