La bellezza dei sogni

Sembrerebbe che in una vita media passiamo più di sette anni sognando. Quindi per sette anni della nostra vita viviamo in un altro mondo, onirico, fatto di mistero, in cui tutto è possibile, in cui abbiamo la possibilità di ritrovare chi non è più in questa vita, di compiere gesti impossibili, di fermare il tempo, di visitare mondi nuovi e di emozionarci a tal punto che a volte gli effetti di un sogno sono visibili al risveglio…
Passiamo molto più tempo sognando che in vacanza, entriamo in contatto con persone sconosciute ma che ci sembrano stranamente familiari anche se sappiamo di non averle mai viste, viviamo esperienze a volte piacevoli, altre volte meno, come se fosse una specie di vita nella vita.
Un filosofo cinese del 400 a.c., Chang Tzu, disse una volta: “Figlioli, questa notte ho sognato di essere una farfalla: ora io non so se ero allora un uomo che sognava d’essere farfalla, o se io sono ora una farfalla, che sogna di essere uomo. So che l’una o l’altra risposta sono parimenti logiche. Vi prego di meditare molto prima di scandalizzarvi.”
E se dalle pieghe più nascoste della notte si affacciassero davvero le più profonde verità?
La maggior parte di noi non da nessuna importanza ai sogni ed alla ripresa della vita “normale” essi restano un vago ricordo che sbiadisce ed a cui non si pensa più. E se invece fossero più importanti di quanto non si pensi?
Questo universo, al pari della nostra mente, ha una logica che non abbiamo ancora capito ed infatti come ci è sconosciuto il 95% circa dell’Universo, così ci sono del tutto sconosciuti i nostri sogni. Paradossalmente abbiamo capito più dell’immenso Universo che di noi stessi.
Eppure fior di menti eccelse, nel corso dei millenni, hanno cercato di far luce su questo insondabile mistero, a partire dagli egizi 2000 anni prima di Cristo sino ad arrivare a Sigmund Freud e Carl Gustav Jung, sia pure con diverse visioni.
Credo che oggi si possa arrivare a pensare che esiste un mondo diverso, appartenente più allo spirito che alla fredda ragione, che in sogno ci parli e ci guidi con un linguaggio spesso troppo misterioso.
Mentre siamo addormentati i nostri limitati sensi si quietano e dall’inconscio emerge qualcosa che parla il linguaggio dell’anima, portando alla luce certe passioni e desideri, paradisi perduti, richiami struggenti e persone dimenticate nelle pieghe di vecchi ricordi.
Troppo spesso tendiamo a bollare come “senza senso” tutto ciò che non comprendiamo ed è già tanto se riportiamo a qualcuno che ci è vicino la solita frase “stanotte ho fatto un sogno assurdo”.
Ma siamo poi così sicuri che l’unica risposta possibile sia quella razionale? Siamo così certi che non ci sia una risposta alternativa che sia dettata dal cuore o dall’anima che parlano con un alfabeto che siamo così limitati da non aver ancora compreso? E se fosse una richiesta dell’anima di una libertà che le è più consona?
La verità è che non siamo ancora pronti a certe cose, intuiamo che ci deve essere qualcosa di più, ma non riuscendo a capire cosa, si fa prima ad archiviare i sogni tra le cose “senza senso”.

31 comments

  1. Caro Gigi, leggo tutto d’un fiato il tuo bellissimo post! Compimenti!
    Un tuo omonimo anni fa formulò una domanda importante e per nulla banale: “La vita è un sogno o i sogni aiutano a vivere meglio?”, adesso che ci penso, chissà se si è ispirato alle parole di Chang Tzu? 😉 Scherzi a parte, quanto hai scritto è una riflessione molto profonda, come lo sono del resto tutte le altre condivise attraverso i tuoi articoli.
    I sogni sono espressioni dell’anima, che a volte è afflitta, altre volte è allegra e felice. È la nostra magia che emerge dalle profondità per mostrarsi così com’è.
    A presto, amico mio, ti rinnovo e contraccambio gli auguri di Buon Anno!

    Liked by 1 persona

    1. Grazie Nick, è sempre un piacere averti da queste parti ed i tuoi complimenti mi riempiono di soddisfazione. Sai, amico mio, certe volte mi perdo in riflessioni troppo più grandi di me ed i confronti mi aiutano a far luce su certi aspetti, specie perchè arrivano da chi è interessato ed ha tutta la mia stima. Ci sentiamo presto, un abbraccio.

      Liked by 1 persona

  2. Gran bel post Giggino. Da Eraclito a Schopenhauer fino a Jung e da ultimo Hobson , indicano la zona onirica come un archivio non collegato con le nostre esperienze nella zona di veglia…Per Eraclito “Il dormiente” è più vicino al “vero” di quanto lo sia il vegliante; per Schopenhauer la zona del dormiveglia è la zona in cui i due mondi si incrociano favorendo la creatività artistica che è porta di veicolo tra i due mondi; Per Hobson, infine i nostri neuroni immagazzinano mutandoli tanto segni del nostro quotidiano, quanto misteriosi e bizzarri materiali la cui provenienza è nella nostra corteccia ma la cui genesi ci è ignota. Per Jung (ma questo lo sai) i sogni sono testimonianza della zona d’ombra governata dalla nostra anima. Mi sei piaciuto molto, Giggino.

    Liked by 1 persona

    1. Che dire, amico mio, in poche righe hai tracciato una mappa storica di quanto l’umanità può dire dei sogni, citando menti eccelse…a volte penso che dovremmo creare un blog a quattro mani per comunicare in prosa e poesia…forse non avremmo il successo di popolo ma non credo che a noi interessi poi molto… 😉 Grazie Frà…

      Liked by 1 persona

    1. Ciao Franca. I sogni sono un vero mistero della nostra mente e quelli ricorrenti non possono non avere un significato ben preciso, solo che l’interpretazione non può che essere soggettiva…nessuno potrà aiutarti ad interpretarli…

      Liked by 1 persona

      1. non capisco la paura sinceramente, qui si tratta di noi, anche delle nostre effettive capacità intellettive conosciamo e sviluppiamo solo una piaccola parte! Sarebbe molto bello invece poter studiare e conoscere di più in questo campo 🙂

        Liked by 1 persona

  3. Tempo fa scrissi nel mio Blog di un sogno ricorrente e continuo che avevo.
    Lì ho veramente capito quanto la nostra anima faccia di tutto per parlarci e lanciarci segnali, quando razionalmente ( o irrazionalmente?!) Facciamo di tutto per non ascoltarla.

    Liked by 1 persona

    1. Anche io ho sogni ricorrenti…credimi mi ci sono scervellato per cercare un senso ma non ci sono ancora riuscito e la cosa mi affascina sempre di più. So che sono segnali da un mondo sconosciuto e mi sento davvero piccolo e limitato quando non capisco…ma non ho intenzione di mollare… 😉 sarei curioso di leggere il post del tuo sogno…se mi mandi il link lo leggo volentieri…

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...