A te (amore futuro)

A te che verrai fuori dal nulla come un soffio di vento inatteso ed ogni tanto ti assenterai, lasciandomi solo e lontano ad asciugare pensieri che colano dagli angoli della bocca.

A te che entrerai da una porta che neanche sapevo esistesse, un varco chiuso, da cui tu farai entrare luci e suoni, la tua orchestra in punta di piedi che camminerà su pareti e soffitto suonando un motivo di strumenti antichi.

A te, che sento di conoscere ma che so di non conoscere fino a quando non mi conoscerai.

A te, che una tua risata sarà un grimaldello che apre ogni stanza della mia casa e che farà da colonna sonora ad ogni ora della mia giornata…

A te che sarai tanto orgoglio e pochissimo pregiudizio ma che saprai come giocarti le tue carte anche se non sai giocare d’azzardo, come ho fatto stupidamente io per una vita…

A te che non camminerai, ma rimbalzerai tra i muri del cuore con frasi spezzate e gioie intere, toccando e dipingendo punti che non erano mai stati visitati nè dipinti prima.

A te che correrai, correrai e non ti fermerai mai a te che trascinerai tutto nella tua scia senza voltarti indietro a guardare perchè oltre il tuo fianco non ti interesserà cosa ci sia.

A te che avrai la consapevolezza di essere ma la paura di avere, tappeto di piume che volteggiano nel vortice delle tue allegre corse e che non faranno mai in tempo a posarsi che subito torneranno a danzare di nuovo in aria al tuo passaggio, come in uno di quei souvenir per turisti che vendono nelle stazioni ferroviarie di tutto il mondo.

A te che sarai e che per me ci sarai e che non vorrò mai lasciare andare via, come facevo con i giocattoli che mi regalavano da bambino, che avevo paura di rompere ed accarezzavo felice.

A te che mi farai parlare di te come se ci fossi stata da sempre e che sto aspettando solo il momento in cui arriverai… non conosco il tuo nome ed il tuo viso, ma conosco la tua anima, unica e bianca che ha già tessuto un velo che forse non è stato mai completato.

A te che sarai la A del mattino e la Z della sera e non importa dove sei ora, perchè verrai, e da allora la vita sarà un calendario tutto in rosso fatto di feste e domeniche per mangiare, riposare e fare l’amore.

A te che mi darai il coraggio di volare, io che ne ho un pò paura e mi faccio scudo di quel camminare a testa alta ma coi piedi per terra. Io che mi sento piccolo davanti a chi sfoggia un paio di ali, perchè so che ne ho bisogno se voglio guardare il mondo da un’altra prospettiva.

A te che sei aquila e sola e non hai bisogno di sbattere quelle ali per galleggiare nel vento, basta tenerle aperte ed essere ciò che sei per farti portare dove vuoi, che è sempre lo stesso posto deciso dal vento, che forse è tuo amico. Ed il vento non è amico di tutti.

A te, che sarai un regalo a cui non si può fare un regalo, perchè sarebbe come avere il privilegio di essere invitati alla festa di un miliardario a cui è impossibile pensare a qualcosa da regalare perchè ha già tutto.

A te che dirigerai le parole come Topolino comanda le scope nel film “Fantasia”, le userai e poi le lascerai andare per toccare e fuggire, e non importa se gli altri non le capiscono, tu saprai quello che volevi dire e non avrai rimpianti.

A te che voli alto… mi insegnerai a volare con la pazienza di un’aquila, perchè quando spazi nell’azzurro del cielo e ti rendi conto che sai volare, la paura si trasforma in un sorriso.

A te che ora sai ma non sei ancora…. usa queste parole, infilale in una collana come perle oppure masticale e dimmi che sapore hanno, assaggiate dal futuro.

A te….

243 comments

      1. ahah! ma tu dizi????? si si da assoluta profana che non sa neanche come si fa la birra con la gassosa! l’altra volta hai detto che ti facevi coraggioso e assaggiavi eh! ahah!
        mmmhhh però è dedicato a te… gialè?
        però gigiolì è piu simpatico!

        Liked by 1 persona

      2. mmmhhh! attentino sempre a come parli!
        ancora insisiti a dire che sono dolce e tenera e carina e che mi volete bene e che senza di me non potete stare????? tessssssoro!!!!!! rippppondi ora su! ahahah!

        Liked by 1 persona

      1. forse piu’ avanti. Ma una persona che scrive una poesia cosi’ profonda e delicata…e’ vicina a quel momento o almeno lo desidera se l’ha immaginato cosi’ bene. Ti auguro di trovare presto la persona giusta…mi pare leggendo i tuoi commenti che non sei poi messo male!😊😊😊

        Liked by 1 persona

    1. oddio…ah ah ahaah ah aha e dai emma, non essere cosi sarcastica è cosi tenera sta cosa…. 😉 ciao geco…vediamo che ti succede vedo che le pretendenti so tante…in bocca al lupo (che poi conosco un lupo che ti mangerebbe volentieri…

      Liked by 2 people

      1. vedi gigi, un mio amico molto nature su queste cose diceva in dialetto “tuocca a carne!” c’est a dìre meglio presente e carnale che sognata e blandita…si rischia l’onan che è avvilente…oddio a volte pure è divertente però no sulla donna angelicata direi…ah ah ah un abbraccio , vedo che hai il senso dell’humour meno male…

        Liked by 1 persona

      2. Franz..Franz…si vede che non mi conosci abbastanza…io sono un sognatore con i piedi per terra e do libero sfogo ai sogni ma anche alle mie pulsioni terrene…anzi forse sbaglio a prediligere le seconde… 😉 sul senso dell’humour vai tranquillo e dai libero sfogo ai tuoi pensieri..trovi terreno fertile… 🙂

        Liked by 1 persona

      1. Io credo che l’amore venga dopo non prima , cioè di infatuazione ne possono venire tante , ma l’amore viene quando due persone hanno imparato a stare insieme , a viversi e rispettarsi , anche dopo anni, quello è amore. ☺

        Liked by 2 people

  1. Che dedica splendida, ma come si legge di solito, nel senso di smielata e esagerata, è invece molto realistica, sincera, dove parli di te e i tuoi difetti, ma solo marginalmente dei tuoi, tanti pregi! Vedrai che arriverà Gigi….inaspettata proprio come dici…..e se invece non arriverà vuol dire proprio che le donne non capiscono un ……!!!!! 🙂

    Liked by 1 persona

  2. Parbleu, quelle femme idéalisée, una creatura angelicata, predestinata, perfetta. A tratti, mi pareva parlassi d’amor paterno, tanto era il sublime…
    E giacché si parla di donna del futuro, mi par giusto tracciar grazie divine.
    Personalmente, credo che ammmore sia connubio di imperfezioni e difetti, accettati in un patto supremo. Ed ecco perché sono una widow e non sono una santa!
    Complimenti, complimenti e complimenti per la scrittura: caratura elevata, Gigì, mon ami!

    Liked by 1 persona

  3. A te che mi stai aspettando al di la di questo vento, che nasconde e fa rumore nel nulla…
    A te che mi vedrai uscire da una porta che un giorno guardando meglio del solito ho trovato. Io ho un’arpa, ti porgo un violino…
    A te che ti conosco da sempre senza conoscerti…
    A te che vorrò fare ridere ogni volta che vedrò quel tuo musetto imbronciato…
    A te che hai giocato le tue carte con orgoglio come ho fatto io…
    A te… Corriamo insieme dai, così se ti volti, al nostro fianco ci siamo noi…

    No beh gigi… ma che te devo dire stavolta?
    guarda che tu quelle ali ce le hai… devi solo aspettare di poterle spiegare con qualcuno che se lo merita!
    Detto ciò… ho fatto le prove per il negroni… però guarda… me sa che è meglio che me lo tengo! haha

    Liked by 1 persona

    1. Aleeeee vabbè che dirti? Grazie per il commento e per le prove del negroni, ma non devi fare da cavia però…non avrai trasformato la cucina in un laboratorio per cercare il negroni perfetto, vero tesoro? 🙂

      Mi piace

      1. no guarda per colpa tua ho fatto un macello! ho messo in mezzo frullatori, macinini, passatutto… ho rotto bicchieri e tazzine! non puoi capì com’è ridotta al cucina… mo vieni te a pulire però eh! e poi facevano pure tutti schifo!

        Liked by 1 persona

      2. haha! peggio peggio, senza bastianich però! mi sono pure affettata un dito guarda! il coniglio è venuto e momenti muore perchè ha mangiato il ciuffo di un’ananas intero… mi è caduto il sale e allora poi ne ho buttato dietro un kg… mo come fai per farti perdonare scusa???? eh eh eh! dimmi dimmi!

        Liked by 1 persona

      3. ma tu non stavi preparando un negroni…stai cercando la pietra filosofale, stai cercando la formula per l’elisir di lunga vita…pure il coniglio che mangia il ciuffo dell’ananas…uno scenario movimentato Ale… adesso sospendi il piccolo chimico prima di distruggere casa…ti darò la ricetta facile facile… 🙂

        Mi piace

      4. ah se? perchè è così facile facile??? non mi sfrantere a terra che potrei dispiacermi molto molto se dopo aver sradicato eucalipti, banani, manghi… essere andata sull’himalaya a prendere il sale rosa da macinare cl pepe… tu mi dici invece che servono appena due o tre ingredienti facili da trovare eh…

        Liked by 1 persona

      5. facciamo così Ale… invece di copiare un cocktail già vecchio, inventane uno tuo e mettici quello che vuoi…sarò felicissimo di sperimentarlo… poi non resta che trovargli un bel nome…che ne dici? 😉

        Mi piace

      6. ma vaaaa!!!!????? dai dimmi che è vero!!!!
        oh ma però se poi vieni a roma te lo devi bere poi eh! vabbè, assaggio prima io!
        allora… polpa di mango, succo di maracuja, gin, martini, sale rosa dell’himalaya e pepe bianco entrambi tritati… e ghiaccio… brrrrrrr!
        te gusta? come lo chiamiamo gigiolì?

        Liked by 2 people

      7. so stata brava ve?????? dici una bomba perchè dopo assaggiato potremmo scoppiare? beh forse! chissà che zozzeria! però secondo me è buonissimo e il nome gigiolì mi sembra che calzi a pennello, visto che tu l’hai ispirato! sei proprio orgoglioso immagino ve??? hahaha!

        Liked by 1 persona

      8. emh… ma tu pensi che peso poco poco ve? e pure di la hai visto le ciccette! quindi le piume non bastano guarda! haha! beh mi sa che tu reggi più di me che mi bastano due ditine di spumante per iniziare a ridere e ballare!

        Liked by 1 persona

      9. ahahahahaha!!!!!!!!!!! mi sono cappottata sottola scrivania dell’ufficio! a me x iniziare a ridere e contorcermi mi basta sapere che qualcuno anche a due metri di distanza ha l’intenzione ed inizio a ridere anche se alza un dito per grattarsi la testa!!!
        smetti smetti sennò mi avrai sulla coscienza!”

        Mi piace

    1. Merci tesoro mio… quando leggo la tua lingua trovo che sia di una grande delicatezza…mi piace quando scrivi in francese…. sai che non lo conosco così bene come tu conosci l’italiano e non sarei all’altezza per risponderti… Grazie Alex…un bacio grandegrande 🙂

      Liked by 1 persona

    1. Viki cara, credo di essermene accorto, visto che alla mia “tenera” età sono ancora qui a fare il singolone 🙂 Ma sognare non costa nulla e sta a vedere che magari non si becchi anche un fac simile che regga per il tempo che resta… 😉 Un bacione ridente a te

      Liked by 1 persona

      1. Sì sì versate versate, oltre le lacrime di commozione e gioia è bene versare anche qualcosa di più concreto, che qui c’è una baracca da tirare avanti 😉

        Liked by 1 persona

      2. Gente! Se volete che la premiata ditta G&I (Geco & Incagliatoh) continui a postare, vorrete versare un obolo libero per poter usufruire delle effimere illusioni fornite senza rischi legali e di dipendenza… dici che può andare come slogan?

        Liked by 1 persona

  4. Che bello 💖!!! Mi hai ricordato di un pomeriggio di tantissimi anni fa, quando insieme ad una mia amichetta, anziché studiare, passammo il tempo a speculare su ciò che, in quel momento, stavano facendo i nostri futuri amori ancora non incontrati 😊. Mi raccomando, quando ti conoscerà, assicurati che legga queste parole!

    Liked by 1 persona

  5. Migliore dimostrazione di un profondo romanticismo maschile non poteva esserci. Bravo Gigi. Lascio al pubblico femminile, la delizia di leggere e di commentare. Io, com’è giusto, passo la mano… Un abbraccio. Piero 🙂

    Liked by 2 people

  6. È così delicata, così intensa, la dedicherei a mia figlia cambiando qualcosa “a te che sarai la A del mattino e la Z della sera e non importa dove sei ora, perchè verrai, e da allora la vita sarà un calendario tutto in rosso fatto di feste e domeniche per mangiare, riposare e farsi le coccole”.
    È meravigliosa, l’ ho letta ad alta voce ora a cena ed in 5 abbiamo applaudito. complimenti tesoro 😉 buon fine settimana gigi ❤

    Liked by 3 people

  7. Arrivato a ” te che entrerai da una porta che neanche sapevo esistesse, un varco chiuso”, sono stato molto tentato dal commentare alla mia maniera…ma proseguendo nella lettura diciamo che hai aperto con un Grimaldello il romanticone che sonnecchia dentro la mia parrucca…bravo!

    Liked by 6 people

      1. È che già scrivi bene. Poi uno pensa alla tua storia o almeno ai pezzi che lasci seminati qui e lì e le parole assumono ancor più peso…ieri vedevo tra le statistiche che ce conosciamo già da sei mesi! Orcaloca se passa il tempo eh?

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...