Day: 14 maggio 2015

La saggezza di Yoda

A volte mi domando quante persone non vadano a vedere certi film perchè sono prevenuti. Ah, spesso fa fico andare in una sala d’essai per vedere il polpettone di turno del regista russo Andrei Affanculovsky sui pogrom staliniani, piuttosto che ammirare, per esempio, la saga di Star Wars.

Ciao, andiamo al cinema?

Ok che vai a vedere?

Guerre stellari.

Ma sei scemo? Quella roba da bambini rincoglioniti? Io vado col mio gruppo culturale al cinema “Dupall” a vedere l’ultimo capolavoro del maestro giapponese Titrituro Imaroni sul problema della stitichezza dei Samurai sotto l’Imperatore Soshito Dekapa.

Ah però…deve essere interessante…

Certo, fa cultura. Dopo seguirà un dibattito sul problema del nucleare nel post Fukushima..

Scusa ma che c’entra coi samurai?

Boh, ma il relatore è Tofuso Icoyoni, una personalità del settore.

Vabbè, ciao io vado a vedere Star Wars, dopo magari mi racconti… (seee col cazzo)

Ecco…il cinema deve essere divertimento unito a saggezza…non dico che andrei a vedere Massimo Boldi perchè mi ucciderebbe l’ultimo neurone rimasto da quanto è scemo, ma Guerre stellari, se visto con un occhio saggio può nascondere molti tesori…

Ah il mio personaggio preferito è Yoda…

La saggezza dei bambini

Mi è capitato di leggere una interessante distinzione su quello che noi siamo veramente. Secondo Gurdjieff noi siamo composti da “essenza” e “personalità”. L’essenza è il nostro vero io, mentre la personalità è tutto ciò che apprendiamo con la crescita, frutto di educazione scolastica, religiosa, familiare, amorosa, ecc. Insomma tutto ciò che non è assolutamente nostro, ma che ci viene inculcato dalla società in cui viviamo.

Ad un certo punto della vita la crescita della nostra essenza si arresta e va avanti la personalità, facendoci essere cristiani o musulmani, interisti o juventini, fedeli o libertini, colti o ignoranti. E ci identifichiamo in questi valori fino al punto da arrivare a muovere guerra ed uccidere chi la pensa diversamente da noi. Ma noi non siamo quelli. Se arrivassimo a capirlo, il mondo sarebbe un posto migliore. Ma siamo tutti addormentati, convinti della forza delle idee della nostra personalità.

Crediamo di essere astuti, svegli e liberi di pensiero, mentre siamo in balìa delle interferenze esterne, delle mode, dimenticando la nostra essenza che è rimasta bambina. Seguiamo le mode degli adulti, politici, attori, calciatori, star televisive dimenticando chi invece avrebbe più da insegnarci…i bambini.

Sono loro, i più puri ed ingenui, quelli non ancora contaminati dalla personalità, che ci aprono gli occhi ed il cuore perchè la loro essenza è ancora intatta, è così come ci è stata data alla nascita ed è quella che abbiamo dimenticato. Sì, proprio quelli che cerchiamo di “imbastardire” a tutti i costi alla vita ed alle nostre devianze, riuscendoci quasi sempre.

Se avete due minuti, date un’occhiata a questo video…