In alto

Mi piace camminare guardando in alto, un pò con la testa tra le nuvole, perchè soltanto lassù puoi trovare qualche bella sorpresa. Le sorprese che incontri con gli occhi bassi non sono quasi mai belle; per bene che ti possa andare sono cose scontate e prevedibili.
Guardare in alto o pensare in alto ti porta in un’altra dimensione, in quella dimensione dove ci sono le idee, le scoperte geniali, le invenzioni dei folli ed i giochi dei bambini.
Solo un buon visionario può accedervi. Pensate che Albert Einstein, per mettere a punto le sue teorie sulla relatività, si immaginava a cavallo di un raggio di luce.
E’ un luogo dove tutti potremmo andare, di tanto in tanto, è un enorme negozio pieno di sorprese, peccato che l’accesso, alla fine, sia appannaggio di pochi.
Lassù non c’è più il tempo né lo spazio; un orologio sarebbe utile come un semaforo in autostrada.
Chi inspira solleva istintivamente il capo verso l’alto, mentre chi espira tende ad abbassarlo e si sa che l’inspirazione è vita, mentre l’espirazione è collegata alla morte. La prima azione di un essere umano che viene alla vita è inspirare l’aria di quel nuovo mondo in cui adesso si trova; la sua ultima azione sarà buttare fuori per l’ultima volta quella stessa aria.
In alto puoi incantarti ad osservare il volo degli uccelli, gli antichi ne traevano importanti profezie per il futuro. Abbiamo imparato fin da subito ad osservare le stelle lassù, a chiederci, piccoli ed impauriti, cosa ci fosse dietro tutto quel mistero e ne abbiamo ricavato scienza e fantasia, sogni e poesia.
In basso ci siamo attaccati, come una sorta di maledizione gravitazionale, guardare verso il muro che ci sta davanti ci sta facendo impazzire, per questo motivo l’unico modo che abbiamo di evadere verso l’infinito è sollevare gli occhi e l’anima al cielo, perchè è da lì che possiamo sperare di avere delle risposte.
Chi sogna ad occhi aperti non è ben visto nella società odierna, perchè chi immagina e sogna, al giorno d’oggi, sono rimasti i matti ed i bambini, che sono le uniche persone imprevedibili; e si sa che la società detesta l’imprevedibilità, per cui i bambini li “rieduca” ed i matti li rinchiude per evitare che vadano a rovistare tra le nuvole e scoprano certe verità.
Se non sei più un bambino, l’unica via di salvezza che ti rimane è quella di impazzire un pò…

29 comments

    1. la discesa è troppo facile, scontata…a scendere son bravi tutti. Peccato che non si possa vivere sempre in vetta…ogni tanto devi scendere per poterti gustare una nuova salita e quindi altre vette, altri panorami, altri cieli… 😉

      Piace a 1 persona

  1. Guardare in alto. E anche guardare intorno. In alto per darsi la spinta. Intorno perché la strada buona non sempre è quella che hai di fronte. Comunque quella pazzia lì o ce l’hai o non ce l’hai. Non si impara. E non è che te la insegnano quando sei piccolo. E’ un miscuglio di natura e opportunità. E’ che quando inciampi ti rialzi senza scoraggiarti, come fanno i bambini che hanno appena imparato a camminare, che cadono e si rialzano perché hanno capito quanto sia bello camminare, quanto non ne possano più fare a meno. E allora chissenefrega se vado per terra, mi tiro su e non mi ferma nessuno. Adesso il mondo sta dentro lo schermo di un cellulare. C’è tutto quello che vuoi. 10 euro al mese, 1000 minuti e 10 giga, e se non ti bastano ci sono le offerte. Così lo sguardo si abbassa, ma non arriva nemmeno a terra.

    A me piace camminare in salita 🙂

    Piace a 1 persona

    1. Ciao Silvia, un post nel post il tuo commento, che porta a riflettere quanto in basso siamo caduti…quanta bellezza, fantasia e sogno ci stanno togliendo anche con quegli aggeggi infernali…forse la pazzia è davvero congenita ma il rialzarsi no, quello lo devi imparare, altrimenti non vai da nessuna parte. Cosa c’è in cima alla tua salita? 😉

      Mi piace

    1. Ma ciao Roberta! Mi fa davvero piacere risentirti, anche questa infatti è un pò una magia… 🙂 non sempre la riconosciamo, è vero, spesso c’è troppo rumore di fondo che ci impedisce di percepirla appieno e non ci fa rimanere concentrati… spero che sia tutto ok 😉

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...