Viale del tramonto

Siamo alla canna del gas, è ufficiale. Ormai anche gli inossidabili miti di Hollywood vivono tempi di crisi nera e si sono ridotti a fare i lavori più umili.
Quelli che fino a pochi anni fa erano le icone sexy per milioni di persone in tutto il mondo, persone invidiate con cachet miliardari per ogni film girato, quelli che hanno fatto sognare milioni di donne in tutto il mondo, oggi accettano “pochi spiccioli” dalle aziende per fare la parte dei coglioni in spot pubblicitari demenziali.
Noi tutti stiamo seguendo in questi ultimi mesi la tristissima fase terminale della carriera di un “macho” come Bruce Willis che, dopo ruoli indimenticabili in film d’azione e drammatici, ha accettato di farsi prendere per il culo come un minorato mentale pronunciando frasi in un italiano sconnesso che neanche un lobotomizzato riuscirebbe a replicare così male.
La cosa più triste è che viene sistematicamente paraculato da quel cicciobombo che gli fa da spalla mentre lui ride beato come se non si rendesse conto dove si trova e chi ce l’ha portato in quel posto a girare quegli spot. Vede un po’ di figa in giro e sorride, forse ormai si accontenta di poco.
Chiunque abbia visto all’opera John McLane nei vari “Die Hard” non può non aver avuto un conato di vomito nel vedere gli spot Vodafone.
Ma perdio, Bruce, almeno fai uno spot come Rocco Siffredi, che, con la sua “patatina” è rimasto fedele al suo campo lavorativo per non deludere i suoi fans, non puoi, seppure strapagato, fare la figura del cazzone in quel modo…hai anche tu dei figli che ti staranno guardando…
Il buon Clooney almeno ha avuto il buonsenso di non cadere così in basso. Anche se ci mette la faccia per un misero caffè, continua a parlare nella sua lingua senza risultare ridicolo a cimentarsi in un idioma non suo ed ha come spalla Joe Black e donne di un certo livello, non certo il coattone che hanno appioppato al vecchio Bruce.
Altri tempi, non c’è che dire. Un mito del “machismo” hollywoodiano come Clint Eastwood avrebbe sparato a chiunque gli avesse proposto una pubblicità del genere e si sarebbe fatto evirare piuttosto che urlare “Non c’è campo! dov’è campoooo?”. Vergogna!
E che dire di Antonio Banderas che parla con le galline? Che dopo aver girato film con un mostro sacro come Antony Hopkins (che gli avrà tolto il saluto) e molti altri, si è ridotto a sfornare pane e biscotti in uno spot che rasenta il comico e che ti fa vergognare per lui?
Non si salva neanche Kevin Costner che finge di essere un appassionato di tonno e si ingozza di qualcosa che neanche sa cos’è.
Viene da rimpiangere il vecchio Ernesto Calindri che, facendo la pubblicità di un amaro molti anni fa, seduto ad un tavolo in mezzo al traffico, diceva: “Fermate il mondo! Voglio scendere.”

49 comments

    1. Grazie Fede! Cachet stratosferico a parte, secondo me certi attori, anche in pubblicità, dovrebbero quantomeno accettare ruoli un pò più consoni (come fanno per i copioni dei film che gli propongono) e non cadere in basso con parti da veri deficienti… Un abbraccio

      Liked by 1 persona

  1. molte star hollywoodiane accettano di fare spot per l’europa e per l’oriente, direi quasi tutti, però non fanno i testimonial commerciali negli USA, anche De Niro anni fa fece uno spot Enel, comunque la vodafone lo ha riempito di milioni di dollari, ma veramente tanti

    l’umanizzazione dei miti del cinema non mi pare cosa così negativa, personalmente ritengo che la vera figura del pirla l’abbia fatta Kevin Kostner, solo un cazzone con serie problematiche cognitive si metterebbe a mangiare tonno in scatola in riva a un mare pulito pieno di pesce fresco 😀 😀 😀

    Mi piace

  2. Spezzerei una piccola lancia solo per Banderas, in fondo qua e là ci butta un po’ di sex appeal, sguardi e frasi a doppio senso, nello spot sembra più un latin lover nell’età della saggezza e male non è.
    Quello che sta messo peggio è proprio Bruce. Bah.

    Liked by 1 persona

      1. Eh si! Se ti riferisci alla tipa che lo prende in giro con “ciao buce” che ha me sta molto sulle balle, ho scoperto che è una modella e sta con Luca Argentero… ora mi sta sulle super balle 😁😁😁

        Liked by 1 persona

  3. È vero, Bruce è ridotto a una macchietta, ma non credo gli diano ‘due spicci’. Senza contare che negli USA questo spot non lo vedono. In Giappone ho visto spot di star del cinema hollywoodiano ben più giovani e vegeti di Willis che pubblicizzavano sakè e sigarette. Pecunia non olet, dicevano i latini. 😀

    Liked by 1 persona

    1. Ciao Paoletta! Certo che non prende due spicci, ma rispetto ai cachet a cui era abituato questa è robetta…e poi ci credo che non vuole che si veda in USA, altrimenti non gli fanno girare nemmeno un cortometraggio…ma anche il cinema mi sa che è in crisi…di idee più che altro. Non si vede un film decente da secoli 😉

      Liked by 1 persona

      1. Devo dire che, a parte Pulp Fiction, non sono mai stata una fan dei film di Bruce Willis. Però so che è simpatico e che si prende parecchio in giro. Ricordo apparizioni di due-tre anni fa al David Letterman Show con un parrucchino giallo in testa esilarante. Faceva da solo una parodia di se stesso al cui confronto lo spot di Tim è acqua fresca. 😀

        Liked by 1 persona

      2. In fondo non lo si può criticare, hai ragione. Ha unito l’utile al dilettevole ma chi ricorda Pulp fiction e Die hard non può non restare un pò deluso da tanta bassezza… 🙂

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...