Bar Sport I parte: la colazione

Vorrei iniziare questo piccolo esercizio di stile chiedendo umilmente perdono al vate Stefano Benni, uno dei più grandi scrittori italiani in circolazione secondo il mio modesto parere, che ha saputo inventare capolavori divertenti ma, al contempo, dalla profondità incredibile.

Ricordo di aver letto Bar Sport parecchi anni fa e non c’è stato mai nessun altro libro che mi abbia fatto ridere da solo come uno scemo al pari di quello.

Ogni città, ogni quartiere ha il suo “Bar Sport”. Forse ogni gruppo di persone ha i suoi personaggi caratteristici. Li trovi nelle assemblee condominiali, nei circoli, a scuola, insomma dappertutto.

Nei piccoli centri il bar non è altro che il luogo di ritrovo di comitive e gruppi di persone di ogni età che si sono suddivisi territorio e tavolini come un giocatore di Risiko farebbe sul tabellone, anche con riguardo all’arco temporale della giornata.

Si inizia al mattino con l’ondata isterica dei “colazionisti”, che giocano col tempo, ed in dieci minuti di colazione, 5 li perdono a guardare l’orologio. Sono i “riassuntivi” della giornata appena iniziata. Contano i minuti, cercando di condensare il tempo a disposizione per accontentare tutti. Un saluto al barista, che all’ora della colazione è il protagonista assoluto di quella commedia dell’assurdo che si svolge davanti ai suoi occhi, poi una rapida occhiata in giro per individuare i conoscenti a cui regalare parole mangiate tra i morsi al cornetto ed i sorsi al cappuccino. Quando il tempo a disposizione è scaduto, tracannano il caffè o il cappuccino a 6000 gradi in un sorso solo, provocandosi paurose ustioni e spesso devono aggiungere qualche minuto al ritardo, dal momento che non hanno considerato l’effetto cagarella che quello sconsiderato gesto inevitabilmente innesca. Ciò porta allo spiacevole inconveniente che il cesso del bar, alle 9,30 di mattina, è peggio di quello della stazione di Calcutta a fine giornata.

I dialoghi durante la colazione al bar hanno lo stesso umorismo di una convention di becchini, che va sfumando mano a mano che si avvicina il fine settimana. Quindi, se ti scappa qualche battuta, vedi di accertarti che sia di venerdì, perchè se commetti un simile errore al lunedì mattina (magari pure con la pioggia), ci sono due sole possibilità: o hai vinto al superenalotto o fai il barbiere.

Nel bar ogni categoria umana sceglie la sua fascia oraria per impossessarsi dei locali e delle vettovaglie e dettare le sue regole, quindi al mattino non troverai mai bottiglie di vino, carte e pensionati che ammazzano il tempo. Al mattino è il tempo che ammazza la gente per una sorta di vendetta ricorrente.

Un pensionato col giornale, in un bar alle 8, si nota come Marilyn Manson in smoking bianco ad un ballo di beneficienza o come un pipistrello disteso al sole a mezzogiorno ed il poverino si guarda bene di frequentare luoghi che non offrono il minimo indispensabile per sopravvivere.

Troviamo quindi “l’avvoltoio”, il quale cerca improbabili approcci broccoleschi a quell’orario impossibile, magari sperando in un numero di telefono da poter utilizzare in momenti più calmi e proficui. Costoro sono quelli che ordinano il caffè, scelgono la posizione strategica al bancone e tentano approcci privi di fantasia alle povere avventrici semiaddormentate, nella speranza di trovare a quell’ora la guardia abbassata. Nei vari tentativi (tutti miseramente falliti) il caffè è diventato imbevibile, per cui tale patetico elemento viene in genere definito il “Rocco Sifredda” del bar di mattina.

Poi abbiamo “lo scroccone”, colui che finge di leggere il giornale davanti al bar in attesa dell’attimo in cui individua la sua vittima potenziale. Saluto ipocrita (Ehilà carissimo-magari non si ricorda neanche il nome-) e domanda di prassi (come va?) con lisciatina che suona falsa come una banconota da 150 euro (stamattina ti trovo in gran forma!). Poi si blocca e resta in attesa della fatidica controdomanda: “prendi qualcosa?” Nel caso questa non arrivi, si rimette in postazione a leggere il giornale. Questo elemento di solito lo smascheri perchè la Gazzetta che ha in mano è quella del mese prima ed è un mero strumento di lavoro.

Non è infrequente incontrare quello che viene definito “la gazza ladra” che, altri non è che colui il quale, con ostentata nonchalance, si fotte puntualmente la “Gazza” a disposizione dei clienti del bar, facendola sparire, con abile ed incurante gesto, nella borsa da lavoro. A volte si spinge addirittura a sfilare un pacchetto di caramelle dall’espositore ed è convinto che ti abbia fregato solo perché il barista lo lascia perdere.

Altro tipo da bar mattutino è “l’esigente”, la disperazione di tutti i baristi. Quando entra si crea un’ondata di panico dietro il banco e si racconta di baristi che si sono strappati grembiuli ed abiti in preda alla disperazione. L’esigente è quello che ordina il caffè nel modo più complicato possibile ed ogni vota aggiunge una variante, per cui diventa impossibile memorizzare i suoi gusti. Il caffè può essere ristretto, decaffeinato, in tazza grande, macchiato freddo, schiumato, al ghiaccio, shakerato, doppio, con panna e l’esigente gioca svariate combinazioni di questi elementi ed è pronto a fare un cazziatone al barista che ne sbaglia anche uno come se il suo caffè fosse la formula alchemica per trasformare il piombo in oro. E’ facile che chieda, come accompagnamento, un cornetto alla marmellata di fragoline di bosco ma, a quel punto, rischia un cazzotto in faccia dal barista, quindi, di solito, se ne guarda bene.

Ma, al mattino il più stressato è proprio il barista, che vorrebbe avere sei braccia come la Dea Kalì ed infatti sempre più spesso adesso si notano baristi extracomunitari che così possono tranquillamente bestemmiare nella loro lingua che tanto non li capisce nessuno, ed anche se ti danno dello stronzo, lo fanno col sorriso e quindi tu lo prendi per un complimento, mentre il titolare del bar perderebbe indubbiamente buona parte dei clienti se desse aria ai pensieri nella sua madrelingua.

To be continued….

124 comments

      1. Mi stavo giusto godendo gli ultimi giorni di mare…ma mi sa che oggi torno a scrivere un po’… 😉 ma ci sarà qualcosa di divertente in giro, no? nelle altre sale di questo multiblog non danno nulla che ti attizzi? 🙂

        Liked by 1 persona

      2. Non potrei descriverla meglio la normalità… Preferisco lasciarla agli altri, a quelli che hanno paura delle novità…che vogliono il loro angolo sicuro…con la normalità non progredisci mai… È l’ignoto che ti forma la vita…e dici bene..la normalità è monotonia 😘

        Liked by 1 persona

      3. Ma guarda…sono le stesse che rivolgono tuttora a me…ci sarà un perché… Gli altri vivono nella “normalità”… Io non farei mai simili domande… La prima cosa che chiedo a qualcuno che non conosco è: chi sei? E dalla risposta capisci molte cose…😉

        Liked by 1 persona

      4. Io non te lo chiederei per giustificare una presenza…tu già ci sei…te lo chiederei, se ti incontrassi, per ascoltare con curiosità cosa mi risponderesti… Magari succede…e tu saresti già preparata…😄😜

        Liked by 1 persona

  1. Mi sono distratta ed ho fatto casino 🙂
    Molti paragonano il buon Benni a Pennac, a mio parere a torto. Benni non è andato lontanamente vicino a farmi ridere tanto quanto Pennac con quella banda sgangherata ed improbabile che sono i Malaussène.
    Beh finalmente non siamo d’accordo su qualcosa 🙂
    Voglio comunque sperare che dedicherai un capitolo alla Luisona 😀

    Liked by 1 persona

    1. Infatti non capisco come facciano a paragonare i due scrittori..forse per la grafica delle copertine e la stessa casa editrice, ma i contenuti sono diversi… Di Pennac ho letto solo “Il paradiso degli orchi” e mi è piaciuto, ma continuo a preferire Benni…ahhhh un punto di disaccordo… Ho diviso l’analisi in fasce orarie…il prossimo è sulla pausa pranzo…. 🙂

      Liked by 1 persona

      1. Utilissimo! Puoi presentarti con il portafogli vuoto. Non hai bisogno di ordinare perché come ti avvicini preparano quello che ordini sempre. Varchi la soglia e senti che il camerie dice al bartender “per lei con più Campari!” Oppure ti tengono da parte la bottiglia di Tanqueray. Robe così.

        Liked by 1 persona

    1. Grazie mia Miss. Sto leggendo il suo ultimo “Cari mostri” e devo dire che promette benissimo…lo stile mi ricorda Avvo…ma lui sembra più che altro il vecchietto di “Bravo Benny”…ahahahah

      Mi piace

  2. Ma che bello spaccato di umanità !!! è piacevole la tua voce Gigi, molto, oh sì qui si aspetta il seguito…😊
    Io sono appena uscita da una colazione all’Autogrill … Anche su quello spazio ce n’è da osservare e scrivere …

    Liked by 1 persona

  3. Per fortuna faccio da sempre colazione in casa! Però mi diverto un mondo a vedere la gente nel piccolo bar del paesino medioevale che sta sotto il monte dive abito io ( circa 7 km):lí ci trovi personaggi ancora più diversi,unici nel loro genere.Ma nessuno osa disturbare il barista……

    Liked by 1 persona

    1. Buongiorno! Anche io faccio colazione sempre a casa amica mia. Ma la fauna da bar è davvero divertente per chi ha occhi con cui osservare… in città il barista è una vittima, ma convengo che nei paesini è il boss assoluto ed è meglio non farlo incazzare…eheheheh 😉

      Liked by 1 persona

  4. Chi me l’ha regalato sa il fatto suo, di certo non l’ha scelto a caso.
    All’interno ci sono poesie che da sole, prese una alla volta, valgono l’intero libro.
    Ci sto mettendo un sacco a leggerlo (normalmente li divoro i libri) proprio perché ogni volta che ne trovo una la leggo e rileggo…

    Liked by 1 persona

      1. “di tutte le ricchezze”. Lo conosci?
        Mi è stato regalato proprio perché mai letto nulla di suo…
        Caspita, dev’essere avvincente! 🙂

        Liked by 1 persona

      2. No, ma quale assassino! Ahahah
        Il protagonista però vive in un posto incantevole… avendolo letto sai di certo a cosa mi riferisco. Sarebbe il luogo dei miei sogni.

        Liked by 1 persona

      1. Mi piace sì. Da bambina accompagnavo mio padre al bar. Si sedeva a guardare gli amici che giocavano a carte. Lui non giocava, guardava soltanto. Io nel frattempo mangiavo patatine e imparavo le regole…

        Liked by 1 persona

      2. infatti quella tipologia di avventori è nella fascia serale…insieme al giocatore di slot machine incollato alla macchina, al mister che farebbe vincere lo scudetto a chiunque ed al tuttologo, una figura classica in tutti i bar che si rispettino… 🙂

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...