Un libro

Non smetterò mai di scrivere sui libri. Potrà sembrare un paradosso ma è così. Leggere mi incanta, è un piacere che pochi si concedono nell’epoca dei social. Per mancanza di tempo, ci si giustifica il più delle volte. Se si trova il tempo per nutrire il corpo si dovrebbe trovare anche quello per nutrire l’anima.
Un libro può essere giocoso, spiritoso, erotico, noioso, toccante, coinvolgente…tutti attributi che cerchiamo ed a volte troviamo anche nelle persone che incrociano la nostra vita. Ma, al contrario di queste ultime, un libro non tradisce mai, non sa fingere. E’ quello che è, se non ti piace puoi metterlo da parte senza rancore. I libri non provano rancore. Danno ma non ti tolgono nulla.
Una persona può mentire, spesso solo per difendersi, un libro non mente mai. Puoi decidere di trascorrere una serata in un qualsiasi locale ma rischi di aver buttato via il tuo tempo. Puoi decidere di trascorrere un pomeriggio in libreria o una sera a leggere e non rischi mai, perché i libri sono amici del tempo e forse sanno come fermarlo.
Il peggiore dei sentimenti che può provocarti è l’indifferenza. Non si può odiare un libro. Una persona ha un volto ed un carattere mutevole, un libro ha solo un’anima ed è sempre quella.
Un libro è un mondo alternativo al mondo di ogni giorno, un oggetto che senza far troppo rumore, ci consegna realtà inimmaginabili, creando quel vuoto nel mondo reale che spesso cerchiamo troppe volte invano, è una droga che non fa danni.
I libri hanno vita propria, credo che non siamo noi a sceglierli, ma sono loro a scegliere noi con quelle copertine ammiccanti ed i loro titoli, proprio come fanno gli abiti e l’aspetto per le persone.
Spesso non ci rendiamo conto che dietro quelle parole c’è tutta l’anima di una persona con cui abbiamo deciso di trascorrere il nostro tempo, famosa o sconosciuta, viva o morta. Volete mettere la soddisfazione di poter dire di aver conosciuto Shakespeare, Omero, Dante, Dostoevskij, Pirandello o addirittura Buddha. Già, perchè un libro trascende il tempo e le distanze e ti fa entrare nel mondo migliore di persone distanti migliaia di chilometri, che parlano altre lingue o che non ci sono più da secoli o millenni. Perchè leggere un libro è sempre guardare avanti anche se stai andando indietro nel tempo, perchè la nostra esperienza comincia dove quella dell’autore finisce.
Un libro, se lo guardate bene, ha la stessa forma di una porta senza serrature; la apri ed entri in un altro mondo, il mondo di chi lo ha pensato e scritto che diventa adesso il mondo di chi lo sta leggendo.
I libri hanno cambiato il modo di vivere e non parlo soltanto di quello di chi li legge. Pensate alla Bibbia, al Corano, ai Veda; Senza quei libri tutta la società sarebbe ben diversa da come la conosciamo oggi. I libri sono stati fraintesi, idolatrati, proibiti, censurati, bruciati e raccolti in biblioteche enormi, tanto grandi da far impallidire le cattedrali.
Non è possibile che un libro lasci indifferenti, una sensazione te la provoca sempre, anche se fosse il semplice sonno o la noia.
Non ha importanza ciò che leggi, un libro, se letto al momento giusto, ti sfonda l’anima e ti cambia per sempre.

37 comments

  1. Leggere può soltanto arricchirci. Ma la questione del poco tempo, non è poi molto una scusa…io ormai con questo gnomo riesco a farlo ben poco!.
    Amico Gig, non so perchè nel lettore non mi da i tuoi post. Ogni tanto devo venire a sbirciare. Ma è sempre un piacere! 😉 buona giornata 🙂

    Mi piace

  2. ciao vecchio milfone,
    questo bellissimo post è, probabilmente, un toccante epitaffio al caro, vecchio, amato libro reso agonizzante non dalla tecnologia bensì dalla idiota vanità diffusa come un potente virus. Mezza Italia scrive e mezza Italia NON legge, in questo Paese si stampano, ogni anno, 65.000 titoli, prevalentemente autoprodotti, libri destinati al macero, ai camini e a mettere in bolla i tavolacci barzocchi delle case in campagna. Quando l’industria del sapere, della conoscenza, della cultura, delle emozioni, delle riflessioni, dei sogni… si trasforma in dozzinale business per appagare malriposte velleità… significa che si è in piena involuzione.

    Liked by 1 persona

    1. Tadssssss vecchio mio… le tue riflessioni sono a dir poco geniali. “mezza Italia scrive e mezza italia NON legge” è davvero stupenda quanto amaramente vera. Libri “veri” ormai ce ne sono davvero pochi ed il business è in mano a quei pochi che continuano a sfornare “successi” che poi così successi non sono più. Non so se perchè sono spompati loro o perchè i libri glieli scrive qualcun altro (ghost writers) che evidentemente pecca di analogo talento. Siamo in piena involuzione sotto tutti i punti di vista e l’ispirazione scrittorea non fa eccezione. Ormai riuscire a scovare un buon libro è più difficile che trovare un prodotto valido all’IKEA…. 😉 Un saluto amico mio!

      Mi piace

  3. Ciao Simo, aspetto fiduciosa il tuo libro 🙂 Lo so, lo so … però io devo dirtelo, una persona che scrive come scrivi tu, è troppo bello leggerla ^______^
    Buona settimana tutta e un abbraccioneeeeeee :-))

    Liked by 1 persona

  4. Leggo il tuo post, mentre guardo la copertina di un libro comprato nel 1995 e poi messo insieme agli altri, in attesa… Oggi, mentre seguivo in streaming l’annuncio del Nobel per la letteratura a Kazuo Ishiguro, di colpo mi è tornato in mente il suo libro “Gli inconsolabili”, con la sua copertina in b/n: un pianista che suona un pianoforte a coda. Si è accesa una lampadina e credo proprio che sia arrivato il suo momento, ha già aspettato abbastanza no?
    Che bello sentirsi uniti dalla passione per i libri 📚

    Liked by 2 people

    1. Direi che tutto lascia presagire che sia il momento di quel libro. Se, come credo, nella vita niente accade per caso, vuol dire che i segnali sono in quella direzione. Già…i libri uniscono incredibilmente e forse salveranno il mondo… Un saluto a te!

      Mi piace

  5. Infatti qui abbiamo intere stanze con le pareti praticamente fatte di libri….sempre in aumento continuo. Qualcuno mi dice di passare agli e book o roba simile, ma vuoi mettere avere in mano un libro, annusare il suo profumo, sfogliare le pagine? Un libro è per sempre!

    Liked by 3 people

  6. Ti sfonda l’anima!!! Bellissimo questo concetto …
    Ciao Simo, anche io adoro i libri e tu li hai celebrati con le particolarità che ti contraddistinguono … La spontaneità e la capacità di trascinare nel tuo entusiasmo ^________^

    Liked by 1 persona

  7. My dear friend, quando parli di libri bruciati penso sempre al bellissimo “Farenheit 451” di Ray Bradbury e la meravigliosa, poetica, commovente trasposizione cinematografica di Truffaut. I libri sono conoscenza, e la conoscenza rende liberi. Voilà.

    Liked by 1 persona

    1. Bonjour Herì, Grazie per il complimento. Quello che hai aggiunto è verissimo. Certe volte ci sono libri in cui sembra che l’autore stia dialogando con te…e quando succede è una situazione indescrivibile, quasi un segnale dell’universo 😉

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...